Vai al contenuto

La prostituzione dovrebbe essere discussa in seno al Congresso?

Per quanto riguarda la questione della prostituzione, vi sono molte occasioni in cui le reali possibilità di dibattito in materia in seno al Congresso vengono discusse pubblicamente o, in mancanza di ciò, prima di qualsiasi istituzione pubblica in grado di fornire una regolamentazione.

Questo è sempre più importante, perché ci sono molte voci da cui la società e anche coloro che legiferano sono invitati a considerare la prostituzione (putas de lujo) come un altro tipo di lavoro, ma a causa delle sue particolarità, deve essere trattata per legge al fine di garantire un certo grado di sicurezza per coloro che la praticano. Il sesso è sempre un tema che genera molti sospetti ed è per questo che ci sono diversi dibattiti al riguardo. Dopo tutto, è un argomento tabù da secoli, ma è giunto il momento per noi di prendere il toro per le corna e per la classe politica di affrontare i vari problemi politici associati a questa situazione.

Il dibattito sulla prostituzione

Sebbene vi siano molte voci in merito al dibattito sull'opportunità che la prostituzione sia regolamentata dallo Stato, la verità è che finora non vi è stato nemmeno uno spazio significativo per discutere la questione in seno al Congresso.

Tra i principali motivi per cui si è invitato a un dibattito sulla prostituzione in un luogo emblematico come il Congresso, va ricordato che le condizioni in cui si trovano coloro che si dedicano alla prostituzione non sono sempre le migliori, se non addirittura le più disumane, e che quindi, con il lavoro della legge, la situazione potrebbe migliorare.

D'altro canto, da un punto di vista assolutamente fiscale, quando si stabilisce un regolamento sulla pratica della prostituzione, ci sono anche più condizioni per la riscossione delle imposte, per esempio, in modo che non sia solo un dibattito che mescola variabili legate all'attività rispetto alle prostitute o alle loro condizioni, ma che per lo Stato possa essere un'altra fonte di denaro pubblico.

Al di là di quanto sopra, sia da parte di coloro che non sono d'accordo con la legalizzazione di questa attività, sia da parte di coloro che sostengono la legalizzazione precoce o almeno la regolamentazione, vi è accordo tra la necessità di discutere la prostituzione in seno al Congresso.

Oltre a quanto è stato detto, è essenziale che tali condizioni per il dibattito non si basino su una questione morale o etica, ma siano analizzate obiettivamente, in modo da consentire di creare un ambiente di lavoro sempre più dignitoso o almeno di trattare coloro che svolgono questa attività in modo più umano.

Anche se al momento non ci sono conferme o almeno un qualche tipo di situazione che ci permetta di prevedere un dibattito di questo tipo, le richieste dei cittadini fanno sì che si possa pensare che possa avvenire presto.